I caporali, le gru e le ciliegie

Qui in provincia ci capita anche che due fatti succedano molto vicini e nel tempo e nello spazio. Scena 1: è domenica, c’è una festa in piazza a Varese, la “festa delle ciliegie”. Gli ambulanti hanno il loro banchetto, sono seduti sulle sedie di plastica, hanno accanto il marito o la moglie o la fidanzata. Tra i clienti ci sono anche – mascherati – gli ispettori del lavoro e i carabinieri: multe a molti ambulanti, lavoro nero dei/delle consorti. «Anche solo per passare del tempo insieme» si giustificano gli ambulanti: «è normale che se arrivano quattro o cinque clienti insieme, la moglie è lì e dà una mano». Basta un sacchettino di carta passato di mano per diventare un lavoratore in nero: «Dispiace a che a noi, capiamo la loro posizione, ma la Legge è questa» mi diceva, qualche tempo fa, una ispettrice, impegnata appunto nei controlli a cooperative, ambulanti, negozianti.

Scena 2: due operai egiziani si arrampicano il cima ad una gru per chiedere i soldi arretrati per il lavoro già fatto, alla base della gru ci sono altri due egiziani, uno dei due “dirige” le trattative sulla vertenza, pretende il pagamento con un unico assegno che provvederà poi a frazionare. I sindacalisti edili – e non solo loro – hanno il sospetto che sia un “caporale” che organizza e sfrutta il lavoro altrui. I sindacalisti – incalzati sul perché certe cose non si riesce a contestarle prima che si arrivi al mezzo-dramma – dicono che i proprietari dell’area non li facevano entrare nel cantiere in oggetto, che può farlo solo l’ispettorato del lavoro, ma che ha troppo lavoro e poche persone disponibili.

Ecco: due fatti vicini nel tempo e nello spazio. Forse sarà semplicistico accostarli così, però un po’ d’effetto lo fa, a pensarci.

Annunci

2 thoughts on “I caporali, le gru e le ciliegie

  1. A proposito degli ambulanti alla festa delle ciliegie: ho acquistato una cassetta di ciliegie da 3 chili per 10 euro. Torno a casa, mia moglie le pesa e sono 2,5 chili. Quindi non solo lavoro nero, dovevano portare anche una bilancia. Si chiama truffa.

  2. beh, fatemi capire gli operai egiziani non è la prima volta che salgono sulla grù e sempre x lo stesso motivo, in 3 anni di cantiere non è stato fatto nessun controllo da ispettorato ecc. ecc. certo sono troppo impegnati a controllare l’artigiano che x piccole infrazioni si vede bastonato con multe salate …forti con i deboli e deboli con i forti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...