Aspettando il gran balzo in avanti (nei giorni degli Occupy)

“Waiting for the great leap forward”, di Billy Bragg, è uno dei pezzi che ascolto spesso, col suo mischiare personale e politico, ironia disillusa e speranza resistente. La fenomenale rima tra la first lady “Jacqueline” e la materiale “gasoline”. Mi piace anche il fatto che sia una canzone che evolva nel tempo, insieme all’autore: bella la versione originale dei tempi della Guerra Fredda e dei Blocchi, ancor più quella degli anni Duemila, ai tempi della guerra infinita, delle bombe intelligenti e dei danni collaterali, di Hugo Chavez e Donald Rumsfeld, di Youtube che forse manderà a spasso Mtv (così nella versione da show televisivo che linko). Ieri sera ho scoperto per caso quella aggiornata ai giorni della grande crisi, dello spread e degli Occupy accampati nelle piazze e nelle strade: risale a fine 2011 e sembra un mezzo scherzo (la metrica zoppica, sa un po’ di canzone da cabaret). Oltre al video si trova in rete anche il testo, che consente anche di apprezzare tra l’altro il riferimento amaro a “Berlusconi fatto fuori e sostituito da un tecnocrate”…

(qui sotto, la versione originale con video dei giorni di Occupy)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...