Ultima Corsa 6 – Milano e il fantasma del Gambadelegn

Sesta puntata di Ultima Corsa, su Radio Popolare, novembre 2015

gambadelegnIl gambadelegn era il vecchio tram a vapore che collegava la città Milano con Magenta, uno dei tanti tram a carbone che seguivano le statali intorno a Milano. Verso l’Adda e la Brianza, verso Abbiategrasso e Pavia, verso Gallarate e Legnano. Alcuni divennero tram elettrici, come quello – unico ancora esistente oggi – che da Affori va a Limbiate. Il tram per Magenta invece rimase a carbone fino all’ultimo giorno

(gli ultimi giorni del Gambadelegn, in apertura di un documentario ATM sui trasporti a Milano)

gamba5Un tempo era uno dei simboli della vecchia Milano. Memoria pittoresca e oggi sepolta, come le case di ringhiera sui Navigli, che oggi sono tutt’altra cosa. Un piccolo viaggio sulle tracce del vecchio gambadelegn, però, si può fare: e pazienza se porta poco fuori dalla città e non su per le valli e in piena campagna. Negli anni cinquanta la fiamma ossidrica risparmiò solo due Gambadelegn, due piccole locomotive a vapore – quasi cubi su rotaie – ancora oggi di proprietà del museo della scienza e della tecnologia. Uno è visibile nel museo da decenni, l’altro era invece da anni “murato” in una zona non più accessibile. Fino al 2014: un gruppo di volontari  in pochi mesi l’ha smontato, trasportato a Settimo Milanese, rimontato dentro ad un cubo di cemento e vetro, il microscopico museo di Fermata Cascine Olona. Cascine Olona è il nome della zona di Settimo che era attraversata dal tram a vapore. Un tempo poche case allineate lungo la Statale che portava (e porta) a Magenta, Novara, Torino.

Il viaggio da Milano è breve, da corso Vercelli 10 km che si possono fare deviando per Trenno o il Bosco in città: si parte da Corso Vercelli, in piazza De Angeli a fatica s’immaginerebbe il tram che avanza nelle acque straripate dell’Olona, come accadeva di tanto in tanto. Settimo è annunciata dalla strettoia della chiesetta di San Giovanni, che si salvò dalla demolizione e veniva accarezzata dal tram a vapore, come testimonia anche un filmato d’epoca dell’ATM. Il museo Fermata Olona è visibitabile di tanto in tanto o telefonando alla Pro Loco: è una gita minima, come minimo era il Gambadelegn, mezzo di trasporto povero per eccellenza. Due esili file di rotaie, posate accanto allo stradone tra Milano e Magenta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...