Cronache ciclostoriche – La Maremmana 2016

la-maremmana-ciclostoricaDopo averla “mancata” per due edizioni, finalmente sono riuscito a partecipare alla Maremmana, che m’incuriosiva soprattutto per il territorio così particolare e da me così poco frequentato. La voglia di scoprire anche questa zona è stata accompagnata (essendo “orfano” del mio gruppo di amici) dagli incontri casuali con altri pedalatori: nella prima parte il simpatico agronomo gallaratese trapiantato in Maremma, Continua a leggere

Annunci

Cronache ciclostoriche: La Mitica 2015

la-mitica-ciclostorica-2015-castellaniaLa Mitica 2015, essenzialmente: bella giornata, io sfortunato e resistente, organizzazione inappuntabile.

È il quarto anno che vengo a Castellania per una ciclostorica che, fin dalla prima edizione, ha mostrato grandi potenzialità. Come percorso l’edizione 2015 ricalca la formula dello scorso anno Continua a leggere

Cronache ciclostoriche: la Canavesana 2015

Dopo aver saltato un’edizione, sono tornato alla Canavesana per l’edizione 2015: come ogni anno, il primo weekend di giugno regala un gran caldo, ma anche quest’anno la giornata tra le colline e le strade sterrate del Canavese attrae molti pedalatori. Per me e per altri, una buona occasione anche per preparare l’ormai imminente trasferta nelle Fiandre (qui la cronaca della RetroRonde, tenutasi la domenica dopo) Continua a leggere

Cronache ciclostoriche – La Superba 2014

la_superba_genova_ciclostorica_san_roccoIn una stupenda giornata di sole e di brezza, la ciclostorica La Superba a Genova porta il ciclismo d’epoca sulla riviera di Levante del mar ligure: la prima edizione si è dimostrata un evento di successo, per il numero dei partenti e per la cura posta nell’evento dagli organizzatori (disclaimer: tra loro il mio amico di pedalate Giulio Carbone) Continua a leggere

Cronache ciclostoriche – la VacaMora 2014

vacamora_2014_asiagoLo ammetto, alla Vaca Mora sono andato con qualche dubbio: pochi chilometri rispetto alla distanza da casa (300 km), una precedente rinuncia nel 2011, qualche opinione negativa sulla qualità delle strade sterrate avevano lasciato il segno. Dalla trasferta 2014 è venuta fuori, invece, una piacevole giornata, certamente allietata anche dal bel tempo (quasi) inaspettato in questa estate che sarà ricordata come particolarmente piovosa Continua a leggere

La RetroRonde 2014 a Oudenaarde

retroronde_oudenaarde_2014Quest’anno – tanto per dirvi l’attesa e le aspettative – ho fatto le cose con enorme anticipo: alla RetroRonde 2014 (il Giro delle Fiandre d’epoca) mi sono iscritto poche ore dopo l’apertura delle registrazioni, nel dicembre 2013, entuasiasta dell’edizione dell’anno scorso.  La domenica è un tripudio di colori di maglie di lana, il nostro gruppo di amici italiani si ricompatta sulla via, “pilotato” dall’inesauribile Giulio Carbone da Genova («ma dobbiamo vincere?» si chiede qualcuno, quando il nostro impone il passo veloce in pianura). Ci si aspetta talvolta in cima ai muri e si fa fronte comune contro il vento, rrche sui pianori erbosi si fa sentire, lanciato dalla costa del Mare del Nord verso l’interno… cioè nel senso opposto al nostro. L’ingresso a Oudenaarde non è proprio trionfale (abbiamo perso molto tempo per qualche guaio meccanico) ma alla fine si sa che una birra fa gola di più di un mazzo di rose: finisce tutto con gran bevuta di birra Kwaremont, sorsi per vendicarsi del muro in pavè Continua a leggere

Cronache ciclostoriche – I Forzati della Strada 2013

i_forzati_della_strada_foto_2013La spedizione marchigiana ai “Forzati della strada” era pensata come la degna conclusione della stagione estiva, in quest’anno in cui ho corso quasi tutte le tappe del Gide e volevo fare quasi l’en plein. «Andiamo a vedere com’è la Forzati, solo per quest’anno», mi sono detto. C’erano poche recensioni in giro, qualche incertezza qua e là nelle informazioni date dal sito, una distanza notevole da fare in auto per arrivare fino al punto più a sud delle Marche. Ma c’era anche voglia di sperimentare pure questa tappa, che intuivo potesse avere un fascino particolare. Risultato? Una gran bella domenica, un clima autentico e dolcemente provinciale, un gran caldo, le foglie di fico sotto al casco, una foratura risolta in pochi minuti, paesaggi bellissimi. Continua a leggere