Tra Tirana ed Elbasan, avanza l’autostrada tra i monti

Cave e cantieri punteggiano le valli tra le due città, i camion si muovono senza sosta. E anche il mondo della montagna cambia a gran velocità, in un Paese che pare ancora incerto su quale strada prendere. A partire dal rapporto con il suo passato

L’autostrada a quattro corsie, il Carrefour, una fitta lottizzazione di villette. Un paesaggio così lo immagini nella periferia d’una grande città francese o italiana. E invece è l’Albania all’inizio del 2012: la periferia nuova di Tirana – almeno, a guardare questo brano di città – ha perso completamente l’aspetto orientale che aveva solo pochi anni fa: è in costruzione la nuova superstrada Tirane-Elbasan, una grande opera che si connette con la tangenziale della capitale. Continua a leggere

Da Tirana a Elbasan, la strada tra i monti d’Albania

In Albania c’è ancora chi la chiama – senza disprezzo o contraddizione – “la strada fascista”, perché realizzata dagli italiani a fine anni Trenta. È la strada tra Tirana ed Elbasan, terza città d’Albania, trenta chilometri in linea d’aria, quasi il doppio nella realtà: oggi è una strada scalcagnata, che sale oltre i mille metri di quota per poi ridiscendere verso la valle del fiume Skumbin, dove giace Elbasan. In Albania però il furore infrastrutturale sta assaltando anche questa zona: l’anno scorso è partito ufficialmente il progetto per una nuova autostrada diretta, finanziata da capitali arabi, a doppia carreggiata. Che effetti avrà il nuovo progetto sulla vita delle zone di montagna, che oggi vivono grazie al fatto di essere ai margini della strada? Continua a leggere