Mohamed, Marina e la pronuncia di Tahrir Square

Il 2011 è stato l’anno della Primavera Araba. Ci ha sorpreso a gennaio, quando si è scoperta l’esistenza di un posto in Tunisia che si chiama Sidi Bouzid, una cittadina con la piazza polverosa come tante località del mondo. Ci abitava Mohamed Bouazizi, il ragazzo di 26 anni che con il suo sacrifico – cercato o meno che sia – ha dato il vita alla rivoluzione, che non sappiamo ancora come finirà (nella Storia non si sa mai come va a finire). La storia di quest’anno suona per me come la voce di Marina Petrillo, che ho ascoltato su Alaska di Radio Popolare raccontare di luoghi, storie e vite, calandosi fin dentro alle vicende, scegliendo di fare un giornalismo che non è neutrale ma partecipe Continua a leggere

Annunci